π·π‘œπ‘π‘œ π‘œπ‘™π‘‘π‘Ÿπ‘’ 𝑒𝑛 π‘Žπ‘›π‘›π‘œ 𝑑𝑖 π‘™π‘œπ‘›π‘‘π‘Žπ‘›π‘Žπ‘›π‘§π‘Ž π‘π‘Žπ‘’π‘ π‘Žπ‘‘π‘Ž π‘‘π‘Žπ‘™π‘™π‘Ž π‘π‘Žπ‘›π‘‘π‘’π‘šπ‘–π‘Ž π‘β„Žπ‘’ β„Žπ‘Ž π‘–π‘šπ‘π‘’π‘‘π‘–π‘‘π‘œ π‘Žπ‘›π‘β„Žπ‘’ π‘™π‘Ž π‘Ÿπ‘’π‘Žπ‘™π‘–π‘§π‘§π‘Žπ‘§π‘–π‘œπ‘›π‘’ π‘‘π‘’π‘™π‘™π‘Ž π‘ π‘’π‘‘π‘‘π‘–π‘šπ‘Ž π‘’π‘‘π‘–π‘§π‘–π‘œπ‘›π‘’ π‘‘π‘’π‘™π‘™β€™π‘‚π‘™π‘‘π‘ŸπΈπ‘π‘œπ‘›π‘œπ‘šπ‘–π‘Ž π‘Ÿπ‘–π‘π‘Ÿπ‘’π‘›π‘‘π‘–π‘Žπ‘šπ‘œ 𝑖𝑙 π‘›π‘œπ‘ π‘‘π‘Ÿπ‘œ π‘π‘Žπ‘šπ‘šπ‘–π‘›π‘œ: 𝑙’𝑂𝑒𝑓 2021 𝑠𝑖 π‘‘π‘’π‘Ÿπ‘Ÿπ‘ŽΜ€ π‘Ž π‘ π‘’π‘‘π‘‘π‘’π‘šπ‘π‘Ÿπ‘’ 𝑒 π‘ π‘Žπ‘Ÿπ‘ŽΜ€ 𝑑𝑖 π‘›π‘’π‘œπ‘£π‘œ π‘ π‘π‘Žπ‘§π‘–π‘œ 𝑑𝑖 π‘–π‘›π‘π‘œπ‘›π‘‘π‘Ÿπ‘œ 𝑒 π‘π‘œπ‘ π‘‘π‘Ÿπ‘’π‘§π‘–π‘œπ‘›π‘’ 𝑑𝑖 π‘π‘œπ‘šπ‘’π‘›π‘–π‘‘π‘ŽΜ€. 𝐸 π‘™π‘œ π‘“π‘Žπ‘Ÿπ‘’π‘šπ‘œ guardando π‘Žπ‘™π‘™π‘Ž π‘‘π‘’π‘™π‘’π‘”π‘Žπ‘§π‘–π‘œπ‘›π‘’ π‘§π‘Žπ‘π‘Žπ‘‘π‘–π‘ π‘‘π‘Ž π‘β„Žπ‘’ π‘ π‘‘π‘Ž π‘Ÿπ‘Žπ‘”π‘”π‘–π‘’π‘›π‘”π‘’π‘›π‘‘π‘œ π‘™β€™πΈπ‘’π‘Ÿπ‘œπ‘π‘Ž.

Ricominciamo da noi, dalla nostra voglia e bisogno di incontro e β€œguarigione” delle ferite, ma anche necessitΓ  di racconto reciproco, e di ricerca della ricetta comune. Ricuciamo i filamenti delle nostra comunitΓ , anche come risposta alle β€œsoluzioni” elaborate e concretizzate dai governi che hanno messo in luce l’incapacitΓ  di cogliere e superare i veri nessi delle crisi: l’offesa all’ambiente, la distruzione dello stato sociale, dei meccanismi della solidarietΓ , gli squilibri di genere. È il capitalismo, che non prevede altri piani se non quelli della ricchezza per pochi, dell’esclusione, del depauperamento e della disumanizzazione delle nostre comunitΓ .

Ricominciamo anche per essere societΓ  che vada oltre, che valorizzi gli enzimi solidali, le pratiche resistenti dei nostri territori, per tornare nelle strade, manifestare e lottare e per fare questo ripartiamo proprio dalla Rivoluzione: alle porte dell’autunno vorremmo accogliere parte della delegazione zapatista, che da diverse settimane ha dato il via alla propria traversata dell’Atlantico.

β€œLa Montagna” – cosΓ¬ hanno chiamato il proprio veleiro partito dalla Isla de las Mujeres – sta facendo rotta anche verso l’Italia, come parte di quel lungo viaggio, in direzione ostinata e contraria, ripercorrendo appunto a ritroso il viaggio fatto dai conquistatori 500 anni fa.

E noi, con un OltrEconomia inedito, salperemo con loro, per essere resistenza e cura collettiva, capaci di protagonismo e riscossa assieme a quei corpi liberi e liberati che a testa alta vogliono camminare per il cambiamento.

Per questo l’Oef21 sarΓ  piΓΉ che mai costruito insieme, e mai come prima offrirΓ  giornate di assemblee, di confronti, di tante domande a cui dare risposte con i tempi necessari.

Camminando, insieme, domandando.