Speciale OltrEconomia Festival 2014: tutte le giornate e i report

L’abbraccio finale fra Joao Stedile e Gigi Malabarba al termine del dialogo sulla riappropriazione dei beni comuni naturali e sociali, è l’immagine che riassume il messaggio politico di questa prima edizione dell’OltrEconomia festival, che ha messo al centro le pratiche ed i movimenti del comune e che in tre giorni di partecipazione e socialità, ha Leggi di piùSpeciale OltrEconomia Festival 2014: tutte le giornate e i report[…]

Pubblicato in 2014

Ogni giorno diretta streaming e interviste dall’OEF

GlobalProject seguirà l’evento ogni giorno con dirette streaming, interviste e approfondimenti. Radio Onda d’Urto (a Trento in FM su 105.5) proporrà, grazie alla redazione trentina, finestre informative dal festival e interviste radiofoniche. Seguici anche su twitter attraverso l’hashtag ufficiale #OEF14 Inoltre avremo cura di riportare in questo blog gli articoli che usciranno su altri siti Leggi di piùOgni giorno diretta streaming e interviste dall’OEF[…]

Pubblicato in 2014

Sorge dal basso l’OltrEconomia Festival

Iniziati lavori di allestimento al Parco S. chiara. E nel pomeriggio dai tetti si leva l’accoglienza al sottosegratario Delrio contro il piano casa del Governo. Da questa mattina presto grande fermento al parco Santa Chiara di Trento dove sono iniziati i lavori di allestimento dell’OltrEconomia Festival, tre giorni di incontri, dibattiti, analisi e workshop costruiti, Leggi di piùSorge dal basso l’OltrEconomia Festival[…]

Pubblicato in 2014

A Tito Boeri l’invito per l’OltrEconomia Festival

Alla conferenza stampa del Festival dell’economia. Questa mattina al Palazzo della Provincia, consegnato l’invito a Tito Boeri, patron del festival, per un confronto diretto con gli ospiti all’OltrEconomia festival, festival alternativo dell’economia che prenderà piede domani con la prima conferenza “Europa, economia e finanza”, insieme ad economisti come Andrea Fumagalli, Christian Marrazzi, Monica Di Sisto, Leggi di piùA Tito Boeri l’invito per l’OltrEconomia Festival[…]

Pubblicato in 2014

Trento: capitale dell’OltrEconomia

articolo tratto da Unimondo.org Se stiamo dove stiamo (economicamente e socialmente) un motivo, forse ci sarà. E Tito Boeri responsabile scientifico del Festival dell’Economia trentino lo ha individuato anche nelle classi dirigenti, uno dei temi centrali dell’edizione 2014 inaugurata oggi. “Raramente chi fa parte della classe dirigente risponde del proprio operato – ha spiegato Boeri Leggi di piùTrento: capitale dell’OltrEconomia[…]

Pubblicato in 2014

Iniziano le mobilitazioni e le iniziative a pochi giorni dall’OltrEconomia festival

2 confer10323986_637405129686583_1096840975657196455_nenze nelle mattine del 31 maggio e del 1 giugno.

5 gli workshops nel pomeriggio aperti ai contributi di tutte e tutti.

Decine di produttori, cantine vitivinicole, birrifici, oliifici, caseifici, che nei pomeriggi offriranno i loro prodotti tutti rigorosamente bio e della filiera corta. Artigiani del riciclo, artisti della fantasia.

E poi i laboratori per bambini ed adulti, giochi, teatro, danza, musica….

E l’assemblea plenaria  il 2 giugno con Joao Pedro Stedile del movimento brasiliano dei  Sem Terra e Gigi Malabarba della fabbrica recuperata di RiMaflow, che daranno il “la” ai ragionamenti finali dei workshop e la costruzione politica che l’OltrEconomia Festival si vuole dare come laboratorio permanente di elaborazione e proposta.

[…]

Pubblicato in 2014

Facciamo la festa all’economia, di Monica Di Sisto

beni_comuni1

Ci sono eventi, come il “festival” dell’economia di Trento che non si sa se sono più noiosi o più pericolosi. Quest’anno il titolo è “Classi dirigenti, crescita, bene comune” e raccoglierà molti alti dirigenti, accademici e appartenenti a quell’1 per cento che decide per tutti. Sono pronti a parlare, come al solito, di se stessi e a dare ricette per quella patologia sociale, l’oligarchia, cui appartengono e che contribuiscono ad alimentare. Tuttavia, qesta volta, c’è chi mostra un’altra narrazione con cui riprendersi i “beni comuni”, per lasciare loro “classi dirigenti” e “crescita”: è l’Oltre Economia Festival (31 maggio/2 giugno).

“Classi dirigenti, crescita, bene comune”: sono i tre nodi che Tito Boeri ha scelto come tema del suo Festival dell’economia, che torna a Trento dal 30 maggio al 2 giugno quest’anno con l’idea di ragionare sull’operato di chi ci comanda, a vario titolo, da un po’: chi ci governa, amministra, gestisce per noi cose importanti come acqua, cibo, la finanza, persino l’aria che respiriamo e i mutui delle nostre case (per chi ce l’ha).

Li conosciamo quasi per niente, a parte i politici più noti, se ne parla solo quando li mettono in galera, e succede troppo spesso, sempre più spesso. Ma soprattutto non sappiamo chi li ha scelti e come, e soprattutto quanto li paghiamo e perché. Per questo, in modo un po’ paradossale, molti alti dirigenti, accademici e appartenenti a quell’1 per cento che decide per tutti si riuniranno a Trento a parlare di se stessi e a dare ricette per quella patologia sociale, l’oligarchia, cui appartengono e che contribuiscono ad alimentare. […]

Pubblicato in 2014

Biografie degli ospiti delle conferenze

oef131 MAGGIO: EUROPA, DEMOCRAZIA E FINANZA

MONICA DI SISTO – STOP TTIP
“Con il trattato transatlantico di libero scambio tra Usa e Ue gli standard qualitativi e di sicurezza rischiano di essere bollati ed eliminati come inutili barriere commerciali”. Vicepresidente di Fairwatch, la Di Sisto insegna Modelli di sviluppo economico alla Facoltà di scienze sociali della Pontificia Università Gregoriana. Presente anche al festival Economia di Trento, afferma come sia importante stare dentro e fuori gli spazi, per poter diffondere le proprie visioni.

MARCO BERSANIForum italiano per una nuova finanza pubblica e sociale
Laureato in Filosofia è uno dei dirigenti comunale dei servizi sociali e consulente di cooperative sociali in campo educativo. Socio Fondatore di Attac è fra i promotori del Forum Italiano dei Movimenti per l’Acqua, il Forum italiano per una nuova finanza pubblica e sociale e della Campagna per la ripubblicizzazione della Cassa Depositi e prestiti” . Tra le sue numerose pubblicazioni: “Nucleare:se lo conosci lo eviti” 2009 edizioni Alegre; “Come abbiamo vinto il Referendum” 2012 edizioni Alegre. “CatasTroika- privatizzazioni che hanno ucciso l’economia” 2013 edizioni Alegre.

BEPPE CACCIA – Metropolitan Multiversity
Beppe Caccia,  laureato in Filosofia, ricercatore sociale e studioso di storia del pensiero politico, attualmente svolge attività di ricerca presso l’Università di Torino. Da sempre attivo nei movimenti sociali, prima con gli studenti medi dell’ ‘85, poi nel movimento universitario della Pantera, partecipa alle mobilitazioni antinucleari e contro la guerra negli anni Ottanta e Novanta, all’esperienza dei centri sociali autogestiti e alla costruzione di media (radio e siti web) indipendenti. Con i suoi interventi ha contribuito al movimento di critica della globalizzazione neoliberista che, da Seattle a Genova, ha anticipato la diagnosi dell’attuale crisi. Dal 1997 è attivo al Comune di Venezia alternando attività di consigliere e assessore alle Politiche  Sociali. Attualmente è promotore e collabora con il progetto Metropolitan Multiversity la finestra di  analisi ed elaborazione poltica ed economica di globalproject.info

CHRISTIAN MARRAZZI – Scuola Universitaria della Svizzera Italiana
“..questo è un capitalismo finanziario che cerca di risolvere finanziariamente le contraddizioni, che sono esattamente le contraddizioni generate dallo stesso capitalismo finanziario. La possiamo chiamare un’economia liquida, riprendendo l’espressione di Zygmunt Bauman”. Nato nel 1951 a Lugano, in Svizzera, dopo aver insegnato all’Università di Padova, alla State University di New York e alle Università di Losanna e di Ginevra, è diventato docente presso la Scuola Universitaria della Svizzera Italiana.

ANDREA FUMAGALLI – Facoltà di Economia dell’Università di Pavia
Andrea Fumagalli si è laureato nel 1984 all’Università Bocconi in discipline economiche e sociali, proseguendo l’attività di ricerca sia all’interno della stessa Università Bocconi che in istituti accademici europei e statunitensi, tra cui l’École des Hautes Études en Sciences Sociales a Parigi e la New School for Social Research a New York. Dal 2001 è professore associato di Economia Politica presso la Facoltà di Economia dell’Università di Pavia. Spesso su posizioni lontane dal pensiero “ mainstream” in ambito economico, sostiene tra l’altro, la necessità di introdurre un reddito minimo di esistenza.

GIGI MALABARBA – Rimaflow
Ha frequentato la facoltà di Lettere e filosofia. Dopo aver svolto per qualche tempo l’attività di corrispondente per la RAI, è stato assunto come operaio presso la fabbrica dell’Alfa Romeo di Arese. Dopo aver aderito alla CGIL è divenuto dirigente prima della FIOM lombarda e poi coordinatore nazionale del SinCobas. Eletto Senatore nel 2001 rassegna le dimissioni il 19 luglio2006 per favorire l’avvicendamento con Haidi Giuliani nella data simbolica del 20 luglio, ricorrenza della morte del figlio Carlo.  Tornato al suo lavoro allo stabilimento Alfa Romeo di Arese, quando viene chiusa si occupa di un’esperienza unica in Italia: la fabbrica occupata di RiMaflow. […]

Pubblicato in 2014